tesi2021

Tesi di Laurea (2021): Effetti neurochimici e comportamentali di stimoli gustativi edonici in ratti trattati col cannabinoide sintetico JWH-018: ruolo della trasmissione dopaminergica nella corteccia prefrontale mediale (mPFC).

Effetti neurochimici e comportamentali di stimoli gustativi edonici in ratti trattati col cannabinoide sintetico JWH-018: ruolo della trasmissione dopaminergica nella corteccia prefrontale mediale (mPFC).

La trasmissione DAergica mesolimbica ed il sistema endocannabinoide svolgono un ruolo centrale nei processi emozionali e di ricompensa legati a stimoli gratificanti naturali e farmacologici che determinano un incremento della trasmissione DArgica nel sistema mesolimbico (Bassareo et al., 2002; Di Chiara, 1990; Maldonado et al., 2006; Volkow et al., 2003, 2017). Tuttavia, in queste aree, la trasmissione DAergica và incontro ad una regolazione adattativa (habituation) dopo ripetute esposizioni agli stimoli gratificanti naturali (ad es. il cioccolato) mentre questo non avviene dopo esposizioni successive alle sostanze d’abuso (Pontieri et al., 1995, 1996; Tanda et al., 1997). I cannabinoidi sintetici (SC) sono agonisti completi del recettore dei cannabinoidi (SCRA), sintetizzati per studiare il sistema endocannabinoide (Castaneto et al., 2014; De Luca & Fattore, 2018; Graddy et al., 2018) e a scopo terapeutico (De Luca & Fattore, 2018). Sono una classe delle nuove sostanze psicoattive (NPS) in quanto identificati nelle herbal highs, miscele di varie erbe chiamate più comunemente Spice o K2 e consumate per i loro effetti psicoattivi simili e spesso più potenti rispetto a quelli indotti dalla Cannabis; in essi è risultato spesso presente il JWH-018 che possiede affinità per i recettori cannabinoidi (CBR1 e CBR2) superiore a quella del principio psicoattivo della Cannabis (∆9-THC) e per questo stimola la trasmissione DArgica nel NAc shell in vivo a dosi inferiori (De Luca et al., 2015). Gli effetti sulla trasmissione DAergica causati dall’esposizione cronica a queste sostanze e la loro presunta relazione con i processi alla base della dipendenza e del comportamento alimentare, non sono stati ancora ampiamente caratterizzati. Lo scopo di questo studio è stato quello di valutare la risposta DAergica nella corteccia prefrontale mediale (mPFC) in seguito all’esposizione ripetuta a stimoli gustativi (soluzione cioccolato) in ratti Sprague-Dawley adulti trattati ripetutamente con JWH-018. Inoltre, sono state valutate le reazioni gustative edoniche e avversive (taste reactivity). Abbiamo osservato  che dopo la seconda esposizione al cioccolato compare un’inaspettata habituation della risposta DAergica nella mPFC, correlabile ad una perdita di habituation nel NAc shell (Pintori et al., 2021) nel gruppo trattato ripetutamente con JWH-018, suggerendo quindi un ruolo inibitorio della mPFC sulle aree DAergiche sottocorticali e una interessante correlazione tra il sistema DAergico e quello endocannabinoide; la stimolazione di quest’ultimo, in seguito all’esposizione ripetuta al JWH-018, potrebbe indurre una disregolazione del sistema DAergico, associabile ad una perdita di controllo della valutazione motivazionale degli stimoli gratificanti (Volkow et al., 2003; Di Chiara et al., 2004; Volkow & Morales, 2015).

unica

Tirocinio Laboratorio Microdialisi cerebrale (2020-2021)

Nel 2020 ho dato inizio all’attività di tirocinio curriculare obbligatorio ai fini del conseguimento della Laurea in Scienze degli Alimenti e della Nutrizione, presso il Dipartimento di Scienze Biomediche, nel laboratorio di Microdialisi Cerebrale – Farmacologia, sotto la supervisione della dott.ssa Maria Antonietta De Luca.

Obiettivi e Programma: analisi e monitoraggio delle monoammine cerebrali (dopamina, serotonina, noradrenalina) in seguito a stimoli gratificanti (alimenti) mediante metodiche HPLC/UHPLC

peppapp

Tesi di Laurea: Tracciabilità e allevamento di precisione (2017).

Tracciabilità e allevamento di precisione: sviluppo di un’applicazione Windows di identificazione e data entry per l’allevamento suino. 

L’obiettivo specifico di tirocinio ha focalizzato:
– l’individuazione di strumentazione hardware per l’identificazione animale;
– la progettazione e lo sviluppo di una App per l’archiviazione dei dati di allevamento delle scrofe nel ciclo di produzione del suinetto, dal parto allo
svezzamento. L’attività di progettazione ha approfondito aspetti tecnici di registrazione di dati anagrafici, delle performance produttive e riproduttive delle scrofe. In particolare è stata prestata particolare attenzione alle pratiche di allevamento che si traducono in punti critici per la tracciabilità del prodotto, come la commistione dei suinetti sottoscrofa.

27febb

Società Cooperativa Agricola 27 Febbraio (2016-2017)

L’attività di tirocinio finalizzata al conseguimento della Laurea in Tecnologie Alimentari si è svolta presso la Società Cooperativa Agricola 27 Febbraio con sede legale a Samassi, nel Medio Campidano, e le cui strutture produttive sono site in Loc. Pimpisu, presso il comune di Serramanna ed a circa 11,600 km dalla strada statale 131, principale arteria di comunicazione della Sardegna. Il tirocinio aveva inizialmente l’obiettivo generico di conoscere le fasi della filiera suina dall’allevamento fino alla produzione di salumi. In particolare è stata scelta come sede la Società Cooperativa Agricola 27 Febbraio in quanto espressione completa della filiera suina zootecnica. L’azienda infatti svolge tutte le fasi della produzione degli alimenti, partendo dalla produzione degli alimenti zootecnici e passando poi per l’allevamento animale, la macellazione e la trasformazione delle carni fino alla produzione e vendita dei salumi stagionati. Durante l’attività di tirocinio è emersa inoltre la necessità aziendale di dotarsi di uno strumento informatico di
supporto alla gestione della fase di allevamento scrofe per la tracciabilità dei prodotti.

L’esperienza in breve:

– Fase Allevamento Suino;

– Fase Macellazione;

– Filiera trasformazione salumiera;

– Tracciabilità e Rintracciabilità del prodotto;

– Sviluppo di un software per la tracciabilità.

 

Ancora una volta ho avuto la possibilità di unire assieme e sfruttare, a vantaggio mio e dell’azienda, tutte le competenze, informatiche e tecno-alimentari, nel loro insieme.

 

1_diploma

Studio Tecnico ing. Bernardino Taris (1992-1994)

Esperienza molto importante, il Tirocinio pratico-applicativo dopo il conseguimento del Diploma di Geometra. Ho avuto la fortuna di collaborare con un professionista molto preparato che ha tracciato la mia strada futura. Sono questi gli anni in cui l’utilizzo del pc in uno studio tecnico non è ancora molto diffuso ed io non avevo nessuna base informatica sulle mie spalle. Ma è grazie a questa esperienza che ho sviluppato diverse competenze, parallele a quelle puramente tecniche del Geometra:

– Utilizzo Autocad per il disegno bidimensionale e la progettazione tecnica;

– Utilizzo suite Office;

– Programmazione QBase-DOS